Infezioni Correlate ad Assistenza Sanitaria: i numeri.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Ci riferiamo alle Infezioni Correlate ad Assistenza Sanitaria indicando la fattispecie di contagi viro-batterici riportati in seguito a ricovero ospedaliero o assistenza sanitaria (domestica, in struttura di lungodegenza, in casa di cura, in ambulatorio, in centro di dialisi, in day surgery, etc.).

Si può prendere atto di questo tipo di infezioni sia nel periodo immediatamente successivo all’assistenza, sia con recrudescenza postuma. Nella maggior parte dei casi parliamo di infezioni seguite ad interventi chirurgici di una certa rilevanza. Sono momenti in cui spesso il sistema immunitario è debole e c’è una particolare sovraesposizione a farmaci e antibiotici. A farne le spese sono maggiormente bambini e anziani. Le infezioni più frequenti risultano quelle del tratto respiratorio, urinarie e del sangue.

Il dato italiano delle vittime da I.C.A. fa registrare un trend in preoccupante ascesa negli ultimi quindici anni.

Nel periodo 2003-2016 si è passati da 18.668 decessi a 49.301. Un momento storico in cui l’Italia ha fatto registrare il 30% di tutte le morti per sepsi nei 28 Paesi Ue (!). La cosa sorprendente è che, in percentuale, sono il Centro e il Nord a riportare valori più elevati rispetto al Sud.

Campania e Sicilia hanno fatto registrare, nello stesso arco temporale, il numero più basso di individui deceduti per infezione nosocomiale. Di contro l’Emilia (che fa registrare i numeri più importanti per entrambi i sessi), il Friuli e la Liguria.

La causa principale delle I.C.A. è da ricercare nella scarsa igiene delle strutture ricettive e nella totale assenza di prevenzione negli ambienti sanitari, ma la diminuzione dei casi è tra gli obiettivi del piano nazionale di contrasto all’antibiotico-resistenza siglato nel 2017 dal Ministero della Salute.

Come si possono prevenire queste infezioni?

  • Con una corretta igienizzazione delle mani e degli ambienti
  • Con identificazione, tracciamento e controllo delle epidemie
  • Evitando tutte le procedure mediche e diagnostiche non essenziali
  • Con un corretto utilizzo di antibiotici e disinfettanti

Come vedi anche un trattamento sanitario di poco conto può nascondere delle insidie, l’informazione è la prima arma in nostro possesso in difesa di carenze igienico sanitarie che, se sottovalutate, possono purtroppo risultare fatali.

iscriviti alla nostra newsletter

resta aggiornato sulle ultime novità

Più articoli

Quarta dose: ha davvero senso?

Quarta dose. Le Regioni hanno riattivato i sistemi di prenotazione, ma il trend sembra chiaro. Sono solo poche migliaia le richieste pervenute per effettuare il

Vuoi saperne di più sulla Malasanità?

Acquista il libro su amazon